The Double C

Attualità, Lifestyle, People, OnTheRoad.

Haneen Hossam e Mawada Eladhm: il diritto negato di essere social

Haneen Hossam e Mawada Eladhm sono due giovani ragazze egiziane con un milione di seguito sui social, arrestate dal regime di Al-Sisi con l’accusa di “violazione dei valori familiari”.

Hossam è stata arrestata per aver pubblicato un video, nel quale invita le ragazze che la seguono a scaricare un applicazione che porta guadagno.

Eladhm invece, è stata accusata di aver postato sui social contenuti indecenti, pubblicando un video in cui ballava.

Haneen Hossam e Mawada Eladhm sono state condannate entrambe in primo grado, a due anni di carcere e a una multa di 300 mila sterline egiziane (19 mila dollari) ciascuna, con l’accusa di aver violato la morale della comunità.

Non è la prima volta che delle donne vengano arrestate in Egitto o che i loro video vengano censurati da internet senza un effettiva ragione. La loro colpa? Voler esprimere liberamente se stesse.
I diritti che nei paesi più occidentali sembrano ormai del tutto scontati (come l’utilizzo dei social e la libertà d’espressione a 360 gradi di se stessi), in molti paesi non lo sono.

Il regime di Al-Sisi in Egitto sembra proprio voler combattere una guerra anti-occidentalizzazione, controllando la popolazione e soprattutto le donne che, per mezzo di accuse vaghe e imprecise, vengono arrestate e condannate al carcere.


Questa è la prova di quanto ancora le donne debbano combattere, per ottenere tutti quei diritti che le possano tutelare e rendere libere dalle “costrizioni” sociali delle comunità in cui vivono.
Il femminismo ha ancora molto per cui lottare! 

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: